POZZUOLI – Circa trenta persone stanno partecipando a un sit-in per chiedere la riapertura della caserma dei carabinieri di Licola. Si tratta dei residenti della periferia di Pozzuoli, che su invito del “Comitato Riqualificare Licola” si sono dati appuntamento in via dei Platani, all’ingresso dell’edificio che ospita la locale Stazione chiusa a fine agosto per motivi di sicurezza. Infatti lo stabile è ritenuto inagibile e nelle settimane scorse erano attesi i lavori di messa in sicurezza mai partiti per mancanza di fondi.

L’APPELLO – Una situazione di impasse che ha spinto i residenti a scendere in strada per chiedere di sbloccare i lavori o, in alternativa, il trasferimento della stazione dei carabinieri in un’altra struttura sul territorio di Licola. «E’ importante avere un punto di riferimento per i cittadini, un presidio di legalità in una zona a rischio come Licola -spiega Umberto Mercurio, organizzatore della manifestazione- Abbiamo la struttura della Forestale che è praticamente vuota, perchè non cederla ai carabinieri? Se ciò non è possibile allora bisogna sbloccare al più presto i lavori e riaprire quanto prima la stazione di Licola».

DA LICOLA A MONTERUSCIELLO – Intanto i circa dieci carabinieri in servizio presso la stazione di Licola, insieme al comandante, il maresciallo Antonio Spiridone, sono stati trasferiti presso la stazione di Monterusciello da dove, quotidianamente, si spostano verso Licola per servizi di pattugliamento e con una stazione mobile all’ingresso dell’edificio.