Il punto dove è stato arrestato uno dei due rapinatori

POZZUOLI – Due malviventi che in sella a uno scooter rapinano una 15enne. La scena che si svolge sotto gli occhi del padre della vittima che si mette in auto e insegue i rapinatori. Nella fuga i due finiscono a terra. Uno si ferisce e viene bloccato, l’altro riesce a scappare, ma nel parapiglia perde una scarpa. Scene degne di un film d’azione giovedì pomeriggio a Pozzuoli. Teatro la zona del “Carmine”, nei presso della “Villa Avellino”.

FERITO E POI ARRESTATO – In manette è finito G.P. 23 anni, residente  nei quartieri spagnoli di Napoli e già noto alle forze dell’ordine. Il 23enne e il complice sono stati rincorsi dal padre della 15enne.  I due, a bordo di uno scooter Piaggio di colore nero con la targa coperta dal cartello “vendesi”,  dopo aver messo a segno il misero colpo, stavano scappando in direzione del centro storico di Pozzuoli. Ma durante la concitata fuga, hanno perso il controllo del mezzo, finendo contro una Ford Fiesta ferma sul ciglio della strada, lungo via Carlo Rosini. Pare che nel parapiglia sia rimasta ferita anche una passante.  G.P. veniva bloccato dal padre della ragazza a quanto pare aiutato da alcuni passanti, rimanendo ferito.

Lo scooter utilizzato per la rapina

LA FUGA SENZA UNA SCARPA – Nel frattempo, il complice riusciva a scappare a piedi, facendo perdere le proprie tracce, perdendo però una scarpa. Sul posto giungevano i carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Pozzuoli che arrestavano il 23enne, rimasto ferito a una gamba.  L’uomo veniva soccorso dai sanitari del 118 che giungevano a bordo di un’ambulanza e portato al pronto soccorso dell’ospedale “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli dove veniva medicato per una frattura scomposta del femore sinistro ritenuta guaribile dai sanitari in 40 giorni con ricovero in attesa di intervento di osteosintesi.

CACCIA AL COMPLICE  – L’uomo, arrestato per rapina in concorso, è ora ricoverato nel nosocomio puteolano e piantonato dai militari. In serata veniva ascoltato dai carabinieri anche il padre della ragazzina, alla ricerca di indizi utili per risalire all’identikit del complice che è riuscito a farla franca. Sul posto giungevano anche gli agenti del corpo di Polizia Municipale di Pozzuoli. Nel frattempo il mezzo utilizzato per la rapina veniva posto sotto sequestro e l’iphone riconsegnato alla 15enne.

GENNARO DEL GIUDICE
[email protected]