La filiale del Monte Paschi Siena di via Pergolesi

POZZUOLI –  Una “rapina a mani nude” quella messa a segno ai danni della filiale del “Monte dei Paschi di Siena” di via Pergolesi dove due uomini senza armi hanno fatto irruzione facendosi consegnare  50mila euro. Contemporaneamente all’esterno altri due malviventi armati coprivano le spalle ai complici. Questa la dinamica secondo le prime ricostruzioni effettuate nei concitati minuti che hanno seguito la rapina.

IL RAID   lunedì pomeriggio, poco dopo le 14.30, alla riapertura pomeridiana. Un’azione veloce, che ha visto 2 uomini fare irruzione all’interno della filiale mentre altri 2 complici attendevano fuori. I banditi avrebbero agito a volto scoperto: mentre due si sarebbero finti clienti riuscendo ad entrare negli uffici senza destare sospetti i complici all’esterno avrebbero poi estratto le armi tenendo sotto minaccia i presenti. Il tutto durava pochi minuti sotto gli occhi impauriti dei presenti. I due banditi dopo aver minacciato i cassieri si facevano consegnare i soldi: in tutto circa 50mila euro. Preso il denaro contante raggiungevano i due complici che dall’esterno tenevano sotto la minaccia delle armi clienti e dipendenti per poi darsi alla fuga.

TELECAMERE –   Ma le sequenze della rapina sarebbero state riprese dalle telecamere di videosorveglianza collocate dentro e fuori la banca. L’acquisizione dei fotogrammi e le testimonianze delle vittime potrebbero essere utili per  risalire ai banditi. Le indagini del caso sono condotte dai poliziotti del commissariato di Polizia di Pozzuoli diretti dal vice-questore Michele Cante.

LE FILIALI MONTEPASCHI NEL MIRINO DEI RAPINATORI –  Numerosi i precedenti di furti e rapine che hanno interessato le filiali del Monte Paschi di Siena presenti in città. Proprio in quella di via Pergolesi lo scorso 18 gennaio dopo l’orario di chiusura alcuni malviventi riuscirono ad entrare nei locali dell’istituto di credito rubando 70mila euro dalla cassa bancomat appena “caricata” dagli operatori. I ladri, in quell’occasione, riuscirono ad entrare da una finestra laterale, per poi prelevare le banconote dalla cassa bancomat.  Tre invece le rapine alla filiale di via Campi Flegrei: l’ultima il 20 settembre 3 banditi armati assaltarono la portando via 15mila euro dopo aver tenuto sotto minaccia la guardia giurata all’ingresso.  Stesso modus operandi adottato il 12 gennaio scorso quando a via Napoli 5 malviventi armati assaltarono la filiale di via Gerolomini: in quell’occasione furono portati via 37mila euro ed esplosi due colpi di pistola contro la guardia giurata che si trovava nel gabbiotto all’ingresso della banca. Una lunga serie di rapine che ha coinvolto per ben due volte in appena 22 giorni anche la filiale di Lucrino, dove il 22 giugno e 14 luglio del 2010 furono portati via prima 25mila euro e poi 15mila euro da rapinatori armati di taglierino.

GENNARO DEL GIUDICE
[email protected]