QUARTO – Una targa all’ingresso con inciso «Questo cantiere è nel patto antiracket». A scoprirla è stato Tano Grasso,  presidente onorario della Federazione antiracket italiana. La cerimonia si è svolta in via Dante Alighieri, dove sono in corso di realizzazione unità destinate ad ospitare uffici ed attività commerciali.

LA “FAMIGLIA” DELL’ANTIRACKET – A capo dell’azienda  che sta svolgendo i lavori, l’imprenditore Nicola Cavallo. A lui si è rivolto Tano Grasso: «Qui c’è un imprenditore che ha aperto un cantiere ed attorno a lui ci sono tanti altri colleghi. Se sono venuti qui è perché vogliono che Nicola Cavallo, la sua famiglia, i suoi operai e i sui tecnici sappiano che fanno parte di questa grande famiglia. Un famiglia sulla quale poter contare e che vi sostiene. Tu non sei solo, sei un imprenditore che quando hai difficoltà, puoi rivolgerti ad altri imprenditori. C’è poi una seconda faccia di questa manifestazione: le forze dell’ordine».

TUTTI PRESENTI – Alla cerimonia hanno partecipato anche il vice presidente vicario della Fai, Rosario D’Angelo; il capitano Elio Norino, comandante della compagnia dei carabinieri di Pozzuoli; il tenente Leonardo Rosano, comandate della tenenza di Quarto; il vice questore Pasquale Toscano, alla guida del commissariato di polizia di Pozzuoli; don Fabio De Luca, parroco della chiesa Regina della Pace. Nonché tantissimi colleghi dell’imprenditore, arrivati da tutta la provincia e tanti tra operai e tecnici. L’arrivederci è a quando il cantiere chiuderà i battenti e si inaugureranno le nuove strutture.