QUARTO – Potrebbe essere l’incontro decisivo per uscire dalla crisi quello che si svolgerà in queste ore tra il sindaco e chi è pronto ad entrare in maggioranza, vale a dire Luigi Rossi di Protagonismo Sociale e Antonio Brescia di Scelta Civica. Entrambi fino ad oggi all’opposizione (Rossi tramite il consigliere Francesco Passaro) potrebbero “salvare” il primo cittadino dopo la rottura con le altre due forze che l’hanno sostenuto: Forza Gabriele e Uniti per Quarto.

LE CARTE A DISPOSIZIONE – Gli assessori in quota alle due civiche si sono dimessi da ben due settimane e i tentativi di ricucire lo strappo sono sempre andati male. A Rosa Capuozzo, dunque, non è rimasto che giocarsi le carte Rossi e Brescia, ma al tavolo verde non è consentito barare. Non sarà un ingresso a “titolo gratuito” quello che verrà eventualmente sancito questa sera. Le richieste sul piano politico dovranno essere accettate in toto dalla fascia tricolore, che oggi vanta un numero record di deleghe dopo l’addio di Mauro Scarpitti e Carmine Violante.

LE DELEGHE SUL TAVOLO – Oltre quella ai Lavori Pubblici – che non è mai stata affidata ad alcun assessore dopo le dimissioni di Tullio Ciarlone nel gennaio del 2016 – nelle mani della Capuozzo restano Personale, Turismo e Spettacolo, Eventi Culturali, Attività Produttive, Mercati e Fiere, Programmazione e Crescita del Sistema Produttivo, Artigianato, Consulte, Beni Confiscati alla Camorra, Formazione e Lavoro, Urp, Trasparenza, Suap, Patrimonio, Fondi Europei, Ricerca e Utilizzo dei Finanziamenti Europei e delle Risorse Strategiche per il Comune di Quarto, Coordinamento delle Risorse Umane per il Raggiungimento dell’Obiettivo in tema di Fondi Extracomunali.