QUARTO – Sciogliere il consiglio comunale per la mancata approvazione di importanti atti di natura finanziaria. E’ quanto chiede l’ex sindaco Rosa Capuozzo, oggi tra i banchi dell’opposizione. E’ un duro attacco quello che sferra il consigliere comunale, che prende di mira l’attuale primo cittadino, il segretario comunale e il caposettore al Bilancio.

I DOCUMENTI CONTESTATI – Nessuna approvazione del bilancio di previsione entro il termine del 31 marzo, relazione economico-finanziaria redatta oltre la data prevista, dichiarazione di un disavanzo “definitivo” di oltre 5,8 milioni di euro con la relativa volontà di procedere verso il dissesto. Questi, tra gli altri, i punti sui quali poggia l’assalto della Capuozzo. Ed è soprattutto sull’ultima delle questioni, e cioè quella relativa al dissesto, che l’ex fascia tricolore sottolinea quello che secondo lei è una contraddizione: la nota del segretario con la quale chiede ai funzionari di via De Nicola di attuare il piano di riequilibrio (redatto dall’amministrazione nel 2016) nonostante l’intenzione di passare al dissesto.

“SENZA ULTERIORE INDUGIO” – «Vista la totale assenza di documentazioni inerente lo stato finanziario dell’ente, anche nella commissione consiliare permanente Bilancio, nonostante le richieste dei Consiglieri di opposizione – conclude Rosa Capuozzo, chiedendo – Senza ulteriore indugio lo scioglimento del Consiglio Comunale del Comune di Quarto per la mancata  redazione ed approvazione del bilancio comunale nei termini inderogabili previsti dalla normativa vigente».