QUARTO – A meno di 24 ore dall’ufficializzazione della sua candidatura a sindaco di Quarto già scoppia la polemica contro Massimo Carandente Giarrusso. Ad alimentarla è il coordinamento cittadino di Fratelli d’Italia, forza politica che dovrebbe far parte della coalizione a sostegno del già primo cittadino. Motivo? Giarrusso ha affisso manifesti elettorali utilizzando il simbolo del partito di Giorgia Meloni senza alcuna autorizzazione. Questa l’accusa di Peppe Martusciello, coordinatore cittadino di FdI.

LA POLEMICA – «Non abbiamo autorizzato l’affissione di nessun simbolo, nè abbiamo deciso di correre per le prossime amministrative con un ex sindaco -afferma Martusciello a nome degli iscritti al partito- Siamo stanchi delle scelte calate dall’alto con la solita prepotenza di chi 3 anni fa si arrogò il diritto di non presentare il simbolo. Se si vuole costituire il centro destra con queste modalità, noi non ci stiamo perchè non ci appartengono. Bisogna partire dai programmi, dalla coalizione e poi si valuterà chi meglio potrà rappresentarla. Chiediamo subito conto di quanto è accaduto al nostro coordinatore provinciale».