Il leader del PD Francesco Dinacci durante l'incontro

QUARTO –  Assemblea presso la sede della CGIL degli iscritti e simpatizzanti del Partito Democratico di Quarto alla presenza del Segretario Provinciale Gino Cimmino. La relazione introduttiva è stata svolta da Francesco Dinacci, Coordinatore cittadino : “Attraverso le primarie nazionali del 25 novembre vogliamo rendere protagonisti i cittadini, per scegliere democraticamente il candidato Premier della coalizione di centrosinistra e presentare una nostra idea di Paese. Già da oggi, con il ritiro di Berlusconi e le probabili primarie dello schieramento conservatore, la destra è costretta a inseguire una scelta lungimirante dei democratici”.

LE VICENDE LOCALI –  alla prospettiva nazionale si è poi passati alle vicende locali – Il PD è il vero protagonista della battaglia per la legalità a Quarto – prosegue Dinacci -, del resto, da subito abbiamo salutato positivamente l’invio a Quarto della Commissione d’accesso, per fare chiarezza su una fase oscura della città, da noi più volte denunciata, e per segnare la forza dello Stato sul territorio. Ma ora tocca alla politica fare la sua parte, sia pure in una fase emergenziale di amministrazione commissariale. Continueremo a confrontarci col Commissario Prefettizio, dottor Vincenzo Greco, sulle principali questioni problematiche, come stiamo facendo per il Castagnaro, per l’ASL, o per i trasporti per garantire il diritto alla mobilità per i cittadini di Quarto che, come avvenuto, assistono alla chiusura delle stazioni in modo improvviso. Infine alcune idee per il progetto futuro per Quarto : “ Il nostro lavoro  – conclude Dinacci –sarà per presentare ai cittadini, quando andremo al voto, un nuovo progetto politico di rinnovamento della classe dirigente e di discontinuità col quadro attuale.  La città non ha bisogno di idee confuse, ma solo di buona politica. Per questo serve un soggetto politico di riferimento, il Partito Democratico, aperto, plurale, nuovo, capace di costruire una nuova alleanza di centrosinistra, coinvolgendo i cittadini su una prospettiva forte di legalità e sviluppo per una riscossa civica”.

IL DIBATTITO –   è proseguito con numerosi interventi di militanti e ex consiglieri comunali, che hanno condiviso l’impegno per le primarie nazionali e le battaglie politiche del PD quartese. Infine, le conclusioni molto attese del Segretario Provinciale Gino Cimmino che “ringrazia il PD locale per l’attività coerente sul territorio, per essere un vero presidio di legalità nella battaglia contro la criminalità organizzata. Qui a Quarto il partito ha dimostrato di essere un laboratorio politico che funziona, unitario e rispettoso delle pluralità, molto attivo nel sollecitare la filiera istituzionale giusta per tutte le questioni cittadine, aperto al confronto con i cittadini. Dalla Segreteria Provinciale giunge il massimo sostegno all’attività svolta dal gruppo dirigente cittadino guidato da Francesco Dinacci, per costruire un percorso politico che nel futuro dovrà vedere protagonista il Partito Democratico, mettendo al servizio della città una classe dirigente rinnovata e onesta”.