Il carcere di Poggioreale

QUARTO – Guai per un 31enne di Quarto denunciato dalla Polizia per possesso di materiale esplosivo senza avere i permessi necessari. Il giovane quartese assieme ad un gruppo di militanti dei CARC, compagine politica di estrema sinistra, ha fatto esplodee una serie di razzi pirotecnici tra il Palazzo di Giustizia di Napoli ed il carcere di Poggioreale dove è attualmente detenuto un giovane napoletano rea di atti di violenza verso un militante de “La Destra” di Storace. Il gruppo di giovani, tra i quali il 31enne, volevano dimostrare solidarietà all’amico detenuto, anche lui membro del movimento estremista.

LA DENUNCIA –  I razzi sono stati notati dagli agenti di una volante dell’ufficio di prevenzione generale della Questura nella piazza antistante la sede della Procura della Repubblica di Napoli. I poliziotti, mentre andava in scena lo “spettacolo” hanno sequestrato 8 custodie di razzo con i relativi tubi di lancio. A quel punto D.S. 31enne di Quarto veniva denunciato in stato di liberta’ per detenzione abusiva di materiale esplodente senza licenza prefettizia. Identificati gli altri tutti di eta’ compresa tra i 16 e i 31 anni. Alla polizia il denunciato e gli altri giovani che si trovavano in sua compagnia hanno riferito che stavano facendo sentire la loro vicinanza all’esponente dei Carc (organizzazione di estrema sinistra) di 27 anni in carcere da due giorni.

ANGELO GRECO