QUARTO – Un invito ad “assediare” la Regione, rea di aver deciso attraverso l’Asl la soppressione del centro di diabetologia della città. E’ quello che il sindaco Rosa Capuozzo ha rivolto alle centinaia di persone che nel pomeriggio di martedì hanno partecipato all’assemblea sul tema “caldo” del momento. Dai primi giorni di febbraio, infatti, chi è affetto da diabete deve recarsi a Marano o a Pozzuoli.

“FUORI LA POLITICA” – L’appello è anche quello all’unità nonché a tenere fuori la “politica”. Appello sposato con associazioni e sindacati, in particolare la Cisl, rappresentata da Alfonso Coppola. Un’assemblea durante la quale non sono mancati momenti di tensione ed interventi del pubblico. Il primo cittadino ha ribadito più volte di non avere avuto nessuna informazione da parte dell’azienda locale circa l’intenzione di sopprimere il centro per diabetici di Quarto: «Ci hanno spostato la diabetologia comunicandocelo dopo». Ed è stato proprio su questo punto che sono piovuti attacchi alla fascia tricolore.

ATTACCO DENTRO E FUORI L’AULA – Inizialmente da parte di Antonio Brescia, consigliere di ciò che resta dell’opposizione. «Il sindaco vi sta dicendo bugie» ha ripetuto più volte, poi zittendo chi a sua volta lo ha attaccato dal pubblico. Rosa Capuozzo è finita anche nel mirino del Meetup #Quarto3.0: «Sono più di sei mesi che si parla dello spostamento della diabetologia ed il sindaco lamenta di non essere stata avvisata. La invitiamo ad essere più attenta e vicina alla cittadinanza ed ai loro bisogni evitando di avallare proclami di tipo propagandistico».

LA PROTESTA – Dunque, non poche le polemiche per uno dei temi che, come detto, è oggi sicuramente tra i più sentiti in città. Non resta che attendere l’esito dell’appello del primo cittadino rivolto a quanti martedì hanno partecipato in massa all’assemblea: un sit-in di protesta a Palazzo Santa Lucia, in occasione della prossima riunione della commissione Sanità della Regione.