QUARTO – Corteo a Quarto dove un centinaio di persone, appartenenti al “Comitato 219” e i sostenitori del “diritto all’abitare” hanno sfilato ieri per le strade per denunciare lo stato dei plessi in cui tante persone vivono nel rione popolare creato con la legge 219 circa trent’anni fa. Mari​o Esposito, esponente del comitato, dichiara: «Abbiamo detto basta alla violenza dei politici, è una vergogna non avere risposte da trent’anni dalla politica locale, regionale e nazionale. Abbiamo avuto molti lutti nel nostro rione per la presenza di amianto nelle costruzioni. Nessuno ha mai cercato di risolvere il problema, anzi, parecchi ci hanno speculato tanto negli anni. Noi adesso diciamo basta!». Il corteo è proseguito per le strade della città per poi concludersi presso la sede del comitato 219 nei pressi di Via Alcide de Gasperi a Quarto.