Il manifesto del convegno

QUARTO – La città di Quarto dice basta alla violenza sulle donne. E lo fa con il convegno “Morire d’amore” nella sala consiliare del Comune. L’appuntamento è per domani pomeriggio alle 17.30. A prenderne parte saranno il sindaco Antonio Sabino; l’assessore alle Politiche Sociali, Angela Di Francesco e l’assessore alla Pubblica Istruzione, Raffaella De Vivo. Tra i relatori, inoltre, il consigliere regionale alle Pari Opportunità Loredana Raia; l’avvocato penalista Virginia De Marco; lo psicologo Luigi Russo; la psicologa Melania Lippolis; il consigliere comunale Immacolata Carandente Targaglia; il consigliere regionale e presidente della commissione speciale Anticamorra e Beni confiscati, Carmine Mocerino. A raccontare la storia di Stefania Formicola, vittima di femminicidio, ci sarà la mamma Adriana Esposito.

LA STORIA DI STEFANIA – E’ stato condannato all’ergastolo Carmine D’Aponte, riconosciuto responsabile dell’omicidio doloso aggravato dai maltrattamenti della moglie Stefania Formicola, la donna di 28 anni uccisa all’alba del 19 ottobre del 2016 a Sant’Antimo con un colpo di pistola al cuore. Stefania fu colpita dal marito dal quale si stava separando. La sentenza è stata emessa lo scorso febbraio dal gup Daniele Grumieri del Tribunale di Napoli Nord al termine del processo che si è svolto con rito abbreviato. «Lui è rimasto impassibile, – il commento a caldo della mamma di Stefania che ha atteso la sentenza in aula insieme al marito Luigi Formicola – non ha mostrato nessun segno di pentimento, neppure davanti a una sentenza così dura».