QUARTO – Ancora nulla di fatto in merito al ricorso presentato dalla società che gestisce il centro di accoglienza per migranti contro la Prefettura, che nelle scorse settimane aveva disposto il trasferimento di 52 ospiti in altri centri della provincia.

RICORSO CONTRO LA PREFETTURA – I giudici della Sesta sezione del Tar Campania, infatti, hanno rinviato il tutto al prossimo 7 febbraio quando si riuniranno in camera di consiglio. La società ricorrente si era rivolta al tribunale amministrativo all’indomani della decisione della dirigenza Area immigrazione di piazza del Plebiscito di trasferire 15 stranieri in un centro di Nola e altri 37 in una struttura di via Gianturco.

IL SOPRALLUOGO – Tutto ciò a seguito del sopralluogo dei tecnici del Comune – costituitosi anch’esso in giudizio – che avevano ravvisato presunte irregolarità in merito a quanto disposto dalle norme in materia e previste dallo Spar, il Sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati. La struttura di via Seitolla, in altre parole, potrebbe ospitare al massimo 31 persone a fronte degli attuali 83.