QUARTO –In manette è finita un’intera famiglia, intenta a mettere in atto il più classico dei “cavalli di ritorno”. Ad arrestarli sono stati i carabinieri della Compagnia di Pozzuoli e della Tenenza di Quarto, coadiuvati dai colleghi di Castello di Cisterna, dopo le indagini scattate a Quarto all’indomani del furto di un motore nautico del valore di ben 30mila euro. I militari si sono messi sulle tracce di tre persone, padre, madre e figlio, facendo così scattare le manette da parte dei colleghi, in un’area di servizio di San Vitaliano.

ARRESTATI AL MOMENTO DI INCASSARE I SOLDI – Gli arresti sono avvenuti in flagranza, mentre la vittima era pronta a pagare il “riscatto”: 6mila euro “trattabili”, che sarebbero potuti diventare anche 4mila. In carcere è finito il padre, Tommaso Palmieri, 47 anni. Ai domiciliari, invece sua moglie Monica Bellucci di 40 anni e il figlio di 21 Giovanni Palmieri, tutti di San Vitaliano. Le accuse sono per tutti quella di tentata estorsione, mentre per il padre c’è anche l’accusa di furto aggravato. Infine, al figlio, viene contestata anche la ricettazione. motore nautico, ritrovato in un deposito di materiale edile a Marigliano, è stato restituito al proprietario.