QUARTO – Il randagismo ha raggiunto le vette più alte in città. Un esercito di cani affolla le arterie periferiche di Quarto e rende più preoccupante lo stato di incolumità dei residenti, che temono di passeggiare per strada e di incorrere in veri e propri branchi. Ma angoscianti sono anche le condizioni di vita di questi poveri ‘quattro zampe’, spesso abbandonati senza alcuna remora dai propri padroni. A seguito delle numerose segnalazioni ricevute in Comune, il sindaco di Quarto Antonio Sabino e l’assessore Vincenzo Biondi nei giorni scorsi hanno indetto una riunione, cui hanno partecipato i rappresentanti delle associazioni di volontariato Oipa e Mpppa Onlus; la dirigente dell’Asl Napoli 2 Nord, la dottoressa Anna Maria Cozzolino e il comandante della polizia municipale di Quarto.

IL PROGETTO – «All’esito della riunione è stato stabilito che, per garantire la sicurezza dei cittadini, verrà eseguito quotidianamente il controllo delle strade maggiormente frequentate dal branco. Grazie alla collaborazione con le associazioni di volontariato, inoltre, si sta decidendo per un programma di adozione dei cani per risolvere il problema in modo definitivo», annuncia il primo cittadino.