Il comune di Quarto

QUARTO – E’ polemica a Quarto intorno al “tema acqua”. Ad alimentarla sono i Giovani Democratici che si dichiarano soddisfatti per il ritiro della delibera 47/2013 sulla privatizzazione del servizio idrico a Quarto, lanciando però un’accusa al Partito Democratico «Per noi l’acqua è un bene che deve restare pubblico, come hanno votato i cittadini col referendum nel 2011 anche a Quarto. – scrive il Segretario dei Giovani Democratici di Quarto Claudio Divenuto – Su questi temi servono posizioni chiare e non ambigue. Perciò dobbiamo mantenerci vigili per evitare operazioni a danno della cittadinanza, e quindi, noi Giovani Democratici, lavoriamo per una massima sensibilizzazione e partecipazione a scelte fondamentali come questa. Lavoreremo insieme a tutte le realtà associative del territorio che si sono già mosse con successo per realizzare quest’ obiettivo».

 

NON CADERE NEL SILENZIO – «Il PD di Quarto, – prosegue il segretario dei GD – nonostante abbia da poco eletto i suoi organi rappresentativi, non deve cadere nel silenzio proprio ora, ma deve avere una posizione chiara contro la privatizzazione dell’acqua in città. Bisogna costruire un confronto con i Commissari sulle soluzioni future, come stanno facendo altri movimenti politici, chiediamo al PD di Quarto di non perdere tempo e di attivarsi fattivamente come ci chiedono i nostri sostenitori e di seguirci e sostenerci nel dialogo col territorio uscendo dal mutismo che lo ha caratterizzato dal congresso fino ad oggi».