QUARTO – E’ stato soltanto grazie al ritrovamento di una radiografia che si è riusciti a risalire al responsabile di uno sversamento illecito di rifiuti, poi denunciato dalla polizia municipale. Si tratta del titolare di una ditta edile che inconsapevolmente aveva gettato tra il materiale di risulta di cui si era disfatto una “lastra” che lo ha poi inchiodato alle proprie colpe.

LE INDAGINI PORTANO AI COLLI AMINEI – I caschi bianchi, infatti, avevano scoperto mattonelle, calcinacci e mattoni abbandonati lungo il ciglio della strada. Rovistando tra i rifiuti, è spuntata fuori una radiografia con tanto di nome e cognome della persone che si era sottoposta all’esame ai raggi X. Era di un’anziana residente ai Colli Aminei, subito contattata dagli uffici di via Catuogno. La donna ha subito “riconosciuto” quella radiografia, aggiungendo però che di lavori in casa non ne avesse mai fatti. Ad eseguirli, ha poi spiegato, erano stati alcuni suoi vicini, anch’essi subito contattati dagli agenti: hanno spiegato di aver affidato i lavori di ristrutturazione del proprio appartamento ad una ditta di Quarto, immediatamente individuata. In pratica, gli operai si erano “liberati” dei rifiuti speciali sversandoli nel Comune flegreo, non accorgendosi che tra il materiale edile era finita anche quella radiografia che ha poi avrebbe permesso ai vigili di risalire ai responsabili.