Un gran numero di episodi si è registrato nel quartiere di Monterusciello

POZZUOLI –  «Abbiamo girato alla polizia municipale le centinaia di segnalazioni di cittadini, soprattutto residenti nella zona di Monterusciello, che ci hanno comunicato di aver ricevuto la visita a casa di sedicenti incaricati del Comune di Pozzuoli per riscuotere il pagamento della rata dell’Imu, della Tarsu e del canone idrico. Sono dei truffatori e invitiamo tutti i cittadini, soprattutto i più anziani, a non aprire agli sconosciuti e a non versare alcun soldo a questi impostori. Le tasse comunali si pagano esclusivamente con bollettini premarcati, mai a domicilio». È l’accorato appello-denuncia lanciato dal sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia a seguito delle segnalazioni da parte di numerosi residenti, in particolar modo del quartiere di Monterusciello, che hanno raccontato di persone che a nome del Comune si sarebbero recate nelle loro abitazione per riscuotere i canoni.

CONTROLLI –  Episodi che hanno allertato le forze dell’ordine che si sono attivate in una serie di controlli «Sono già in corso accertamenti da parte delle forze dell’ordine per smascherare questi truffatori. Finora, da quanto ci hanno riferito i cittadini di Monterusciello, i più colpiti sono stati anziani residenti nelle case popolari. Il Comune incassa soldi solo previa emissione di apposito bollettino, con comunicazione scritta e mai in contanti a domicilio. Chiunque dovesse essere contattato per la richiesta di soldi, non esiti a chiamare immediatamente la polizia municipale o i numeri di pronto intervento di polizia e carabinieri».