L'ormai ex sindaco di Pozzuoli Agostino Magliulo

POZZUOLI –  Un incontro quasi “carbonaro” per dimettersi da consiglieri comunali: Vincenzo Figliolia, Luigi Manzoni, Antonello Artiaco, Elio Buono, Angelo D’Isanto, Francesco Cammino e Lucio Terracciano del Partito Democratico, Michelangelo Luongo e Raffaele Visconti di Sinistra Ecologia e Libertà, Salvatore Maione di Futuro e Libertà, Fabio Costagliola di Pozzuoli Futura, Gennaro Pacileo e Guido Iasiello del Popolo della Libertà hanno firmato davanti al notaio Francensco Fasano le dimissioni dalla loro carica di consiglieri comunali. Dimissioni contestuali che fanno decadere automaticamente il Sindaco Agostino Magliulo e la sua Giunta. In serata i consiglieri delegati alla presentazione del documento e cioè Manzoni, Costigliola e Iasiello si sono recati al Municipio per protocollare le dimissioni. L’ammutinamento sarebbe scaturito da una proposta “indecente” fatta da qualcuno dei consiglieri di maggioranza che hanno poi firmato le dimissioni.

UN LUNGO POMERIGGIO –  Le consultazioni erano iniziate in mattinata. Poi nel primo pomeriggio dal comune i consiglieri si erano spostati nella sala di un ristorante di Arco Felice dove hanno atteso l’arrivo del notaio che nel corso del pomeriggio ha raccolto tutte le firme dei dimissionari. A dare

Il segretario generale Carmine Cossiga legge il documento di dimissioni

l’input i consiglieri di maggioranza che hanno poi fatto la proposta a quelli del centrosinistra che immediatamente si sarebbero buttati a capofitto appena veniva paventata la possibilità di mandare a casa il Sindaco Magliulo. Il motivo sarebbe da rintracciare nella mancata riforma della Giunta tecnica in una Giunta politica che accontentasse le richieste che in questi mesi alcuni componenti del parlamentino civico avrebbero formulato al Primo cittadino. Il dato è che a Pozzuoli in appena due anni due sindaci vengono sfiduciati dalle dimissioni contestuali dei Consiglieri comunali, alcuni dei firmatari di queste dimissioni non sono nuovi ad “operazioni” di questo tipo dato che già avevano firmato lo stesso documento. Per domani mattina è attesa la formalizzazione al protocollo del comune di Pozzuoli dopo che in serata il segretario generale Carmine Cossiga si è rifiutato di accettare le dimissioni dei tredici, rimandati alle otto meno un quarto quando  In serata per mediare sono giunti al comune il presidente della Provincia Luigi Cesaro e il consigliere provinciale Tommaso Scotto di Minico. L’ormai ex sindaco Magliulo si è limitato a dire «Non me l’aspettavo».

GENNARO DEL GIUDICE
[email protected]

LE FOTO
[cronacaflegrea_slideshow]