di Gennaro Del Giudice

tunnel arco felice
La strada lungo la quale è stato investito il 78enne

POZZUOLI – Tragedia a Pozzuoli dove un uomo è stato travolto all’ingresso del tunnel di Arco Felice. La vittima, Salvatore Schiano, 80 anni il prossimo agosto, puteolano residente al Rione Toiano, è deceduto questa mattina dopo una notte di agonia all’ospedale Cardarelli di Napoli. L’anziano viveva in via Largo Cocceio, nei pressi del comune di Pozzuoli, insieme alla moglie e ai figli. Indagato per omicidio colposo il conducente del furgone, T.R., 34 anni, residente a Castelvolturno. Dopo il grave incidente Schiano era stato portato inizialmente all’ospedale “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli. La sua salma è stata sequestrata dal Pubblico Ministero che indaga sull’accaduto e trasferita presso il centro di medicina legale del “Secondo Policlinico” di Napoli dove sarà effettuata l’autopsia.

 

LA TRAGEDIA – L’incidente è avvenuto alle ore 17 di giovedì in via Montenuovo Licola Patria all’ingresso della galleria che da Arco Felice conduce a Lucrino. Da una prima ricostruzione pare che Schiano stesse facendo ritorno a casa, camminando lungo la strada, quando all’improvviso il furgone in corsa l’ha travolto. Alla guida del mezzo, Renault Kangoo, c’era un 34enne di Castelvolturno in compagnia di un’altra persona. L’autista, per motivi ancora in fase di accertamento da parte della Polizia Municipale, non si sarebbe accorto del pedone travolgendolo. Accortosi dell’incidente l’uomo è sceso dal mezzo per sincerarsi dell’accaduto.

 

LA CORSA IN OSPEDALE – Dopo i primi soccorsi da parte dei sanitari del 118 giunti sul posto, l’anziano è stato portato d’urgenza al vicino nosocomio flegreo, da lì poi trasferito al Cardarelli di Napoli dove è morto nella mattinata di ieri. In seguito all’incidente, il furgone è stato sequestrato e nei confronti del 34enne di Castelvolturno è scattata l’indagine per omicidio colposo. Rabbia e dolore da parte dei familiari e dei conoscenti di Salvatore Schiano, persona perbene e stimata in città.