POZZUOLI – Ha dell’incredibile quanto accaduto nel quartiere di Monterusciello, teatro di una truffa ai danni di una donna di 56 anni. Due uomini che si sono finti tecnici dell’azienda “Eni Energia” sono riusciti a farsi consegnare dalla vittima 20 euro, una bottiglia di vino, una di pomodoro, delle caramelle e addirittura anche una banana.

LA TRUFFA – I due truffatori sono riusciti a entrare nell’abitazione della donna, presentandosi come tecnici e con il pretesto di dare un’occhiata al contatore del gas. In buona fede la povera donna ha aperto la porta ai due malcapitati, i quali sono stati condotti verso il contatore per accertarsi che fosse a norma. Subito dopo hanno controllato anche la caldaia, riscontrando che c’era un “guasto” (dopo che era stata due giorni prima controllata dai veri tecnici dell’Eni) per cui necessitava di essere cambiata. E così i due truffatori hanno convinto la donna, ignara di quello che le stava capitando, a decidere di cambiare la caldaia facendosi consegnare a titolo di acconto una somma di 20 euro. E prima di andarsene via, si sono fatti consegnare anche dell’altro, che la donna ha consegnato inconsapevolmente e volentieri per ringraziarli. Solo dopo la cinquantaseienne si è accorta di essere stata raggirata, provvedendo immediatamente a denunciare l’accaduto alle autorità competenti.