L'auto sulla quale viaggiava il 33enne

POZZUOLI –  Due feriti, di cui uno ricoverato in gravissime condizioni all’ospedale ”Monaldi” di Napoli. E’ questo l’epilogo di un violento scontro frontale tra due veicoli avvenuto in via Montenuovo Licola Patria. Ironia della sorte nello stesso punto di ex Domitiana dove lo scorso luglio perse la vita la 20enne Marilisa Di Fraia, schiacciata nella sua auto da un camion che invase la sua corsia di marcia. E come un tragico scherzo del destino, a scontrarsi frontalmente sono stati ancora una volta un camion e un’automobile. In quest’ultima viaggiava G.I.A., 33 anni, residente a Napoli che, secondo le prime ricostruzioni effettuate dagli agenti del corpo di Polizia Municipale di Pozzuoli, per motivi ancora in fase di accertamento avrebbe perso il controllo della sua BMW X1 invadendo l’opposta corsia di marcia e andandosi a schiantare contro un camion Iveco E80 (di proprietà di una ditta edile di Casal di Principe) guidato da F.L., 48 anni, napoletano. L’uomo nell’impatto è rimasto anch’egli ferito ma in maniera non grave.

I mezzi coinvolti nell'incidente

LO SCHIANTO –  L’incidente si è verificato intorno le 13.30 di lunedì lungo il tratto di ex Domitiana tra i depuratori di Cuma-Licola e l’incrocio di via Licola Mare. Momenti di forte preoccupazione si sono vissuti a causa delle condizioni del 33enne alla guida della BMW. Sul posto subito dopo l’incidente sono giunte due ambulanze che hanno soccorso e trasportato i feriti presso l’ospedale “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli. Successivamente, a causa di complicazioni, il 33enne è stato trasferito nel reparto di terapia intensiva del nosocomio napoletano dove è ricoverato in prognosi riservata. Lo scontro tra i due veicoli è stato violentissimo. Nell’impatto il conducente della BMW ha battuto violentemente il capo mandando in frantumi il parabrezza anteriore.

NESSUN SEGNO DI FRENATA – Sull’asfalto non sono stati rinvenuti segni di frenata da parte dei due mezzi: ciò avvalorerebbe quindi la tesi secondo la quale l’automobile sarebbe finita direttamente contro la parte anteriore del camion che non avrebbe fatto in tempo a scansare il veicolo. Sarebbe questa l’ipotesi più accreditata da parte degli agenti della Municipale, stando anche alla posizione dei due veicoli subito dopo l’incidente. Intanto, resta anche da chiarire come il 33enne abbia potuto perdere il controllo del veicolo: se a causare l’incidente sia stato un malore, un sorpasso azzardato, una distrazione o se l’automobilista nel tentativo di scansare un ostacolo improvviso sia finito fuori corsia. Nel frattempo, in attesa che siano completate le indagini e l’esatta ricostruzione della dinamica dell’incidente, il Pm di turno ha disposto il sequestro di entrambi i veicoli.

GENNARO DEL GIUDICE

LE FOTO

[cronacaflegrea_slideshow]