di Gennaro Del Giudice

Gli interni del mercato provvisorio nell'ex Sofer

POZZUOLI – Saltano le “famose” notti al mercato ittico e ortofrutticolo di Pozzuoli. Niente antivigilie di Natale e Capodanno nella storica struttura di via Fasano, come già annunciato da noi lo scorso 2 dicembre. Chiusa l’undici aprile scorso da un’ordinanza del Sindaco Vincenzo Figliolia dopo sequestri e controlli da parte di NAS e Asl che riscontrarono carenze igienico-sanitarie all’interno dell’area mercatale. Le vendite proseguiranno nelle tensostrutture realizzate nel parcheggio dell’ex fabbrica Sofer a causa della mancata conclusione dei lavori di ristrutturazione del mercato chiuso otto mesi fa. Una notizia che era nell’aria da tempo, nonostante promesse e annunci di riapertura.

 

RAMMARICO DELL’AMMINISTRAZIONE – «Non si sono concretizzate le condizioni per riaprire l’area mercatale – spiega l’assessore alle attività produttive del comune di Pozzuoli Carlo Morra – Sappiamo che la situazione non è certo delle migliori per gli operatori, ma di fronte ad alcune criticità è stato giusto non aprire. C’è delusione da parte mia, del sindaco e di tutti per questo epilogo. Ma con ogni probabilità posso dire che per inizio anno il mercato sarà pronto e i venditori potranno ritornare nuovamente in via Fasano» Intanto il comune, per accogliere i numerosi clienti previsti per i giorni a ridosso delle festività natalizie, amplierà l’area destinata ai parcheggi per auto e furgoni.

 

L'assessore alle Attività Produttive del Comune di Pozzuoli, Carlo Morra

IL NUOVO MERCATO – Un’emergenza che si protrae dal 21 aprile 2013, quando in fretta e furia l’amministrazione trovò ospitalità per gli 88 mercatali nell’area “ex Sofer” concessa al comune di Pozzuoli da “Waterfront Spa” fino al 31 dicembre 2013, in cui furono allestiti 3 capannoni. Da quel giorno è stato un susseguirsi di annunci e slittamenti: prima 60 giorni, poi metà luglio, poi settembre, infine novembre. Un mercato, quello di via Fasano, costato 490mila euro, e che prevede un’area vendita di 2mila metri quadrati chiusi a cui si aggiungono 500 metri quadrati di passerelle aperte per i clienti. Due le diverse strutture di ferro zincato che ospiteranno i commercianti, una pavimentazione industriale nella parte ortofrutticola e una a klinker nella zona ittica. Il cambio del progetto e i tempi per la ricezione di alcune autorizzazioni hanno ritardato la consegna dei lavori. Dopo 8 mesi di attesa gennaio 2014 sarà quello buono?