di Giulia Artiaco

L'attore-regista Nando Paone

POZZUOLI«A Pozzuoli il teatro c’è», sono queste le parole dell’attore-regista Nando Paone, con cui vuole ricordare, non solo ai puteolani, ma a tutti i cittadini flegrei, la presenza sul territorio di un’istituzione culturale e molto importante quale è il teatro. A Pozzuoli un teatro mancava da circa sessanta anni, ma oggi grazie alla passione, i sacrifici e la dedizione, non solo dell’attore Paone, ma anche dell’attrice-regista Cetty Sommella, la città può vantare la presenza di tale istituzione.

 

IL TEATRO – Nel dicembre 2009, all’interno del complesso “Artgarage”, viene inaugurata la Sala Molière, teatro climatizzato di circa settanta posti, piccolo grande cantuccio dell’arte, della cultura e dell’intrattenimento, luogo di aggregazione per tutta la famiglia grazie al quale, tra risate e divertimento, permette di far conoscere il teatro di tradizione, scritto da autori moderni e contemporanei, ma anche da scrittori della antica tradizione drammaturgica mondiale, accantonando l’imperante cabaret, che ormai da tempo ha svuotato la vera valenza del teatro.

 

Un frame di un'esibizione teatrale alla "Sala Molière" di Pozzuoli

IL CARTELLONE – Quest’anno grazie alla sapiente ed accurata scelta degli organizzatori, tra i quali gli stessi attori Paone e Sommella, per la stagione teatrale 2013/14 della Sala Molière è stato presentato un cartellone di nove spettacoli, con cui andranno in scena le rappresentazioni di testi d’autore come W. Shakespeare, O. Wilde, H. Pinter e tanti altri, ma tutte opere di grande valenza culturale destinate ad un pubblico vario, il quale viene incentivato ad avvicinarsi ed apprezzare il teatro anche con costi non elevati, basti pensare che un abbonamento di cinque spettacoli costa solo cinquanta euro. Come afferma lo stesso Paone, «Si tratta di spettacoli “leggeri”, ma tuttavia densi di profondi significati , per intrattenere ed appassionare il pubblico di tutte le fasce d’età, che in allegria e spensieratezza è comunque indotto alla discussione, al confronto e alla riflessione. Inoltre, – prosegue Paone – questo teatro , i suoi spettacoli, non solo offrono ai cittadini intensi momenti culturali, ma anche la possibilità di trascorrere serene e piacevoli serate, sempre più utili e necessarie per far fronte alla routine e le difficoltà di tutti i giorni».

 

DUPLICE SIGNIFICATO – Proprio per questo la presenza di tale teatro oggi a Pozzuoli e quindi nell’area flegrea ha un grande significato ed una duplice importanza, infatti non soltanto ci fa rivivere e ricordare la forte tradizione teatrale di cui soprattutto noi campani ne siamo da sempre portatori, ma anche perché tale istituzione e le iniziative che da essa scaturiscono non solo arricchiscono tutti noi cittadini flegrei, ma soprattutto può aiutarci ad essere più positivi, propositivi per il nostro paese. Infine, citando nuovamente lo slogan dell’attore: “A Pozzuoli il teatro c’è” , cogliamo in questo un forte e caloroso invito ad andare al teatro.