Sciopero di circa 20 stagionali della "De Vizia Transfer"

POZZUOLI – I lavoratori stagionali della “De Vizia Transfer” minacciano lo sciopero della fame. Si tratta di circa 20 ormai ex dipendenti della società appaltatrice per la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani nella città di Pozzuoli, che da questa mattina sono fuori i cancelli della sede dell’azienda in via Campana in segno di protesta contro la mancata riconferma. Infatti, scaduto il 14 settembre scorso il contratto stagionale, gli ormai “ex” operai della “De Vizia” chiedono una prelazione sulle eventuali assunzioni che potrebbero essere fatte nei prossimi mesi dall’azienda minacciando, nel frattempo, lo sciopero della fame.

 

LA PRELAZIONE SULLE ASSUNZIONI – I lavoratori sono dall’alba di lunedì fuori i cancelli dell’azienda senza intralciare in alcuna maniera il normale svolgimento delle quotidiane operazioni di lavoro ma minacciando, per le prossime ore, non solo l’inizio dello sciopero della fame ma anche altre eventuali azioni dimostrative. Il motivo della protesta è la paura di nuove assunzioni a tempo indeterminato dalle quali potrebbe restare fuori chi per anni ha fatto lo stagionale. Questa opzione è una scelta che la De Vizia può fare e che in passato, a detta dei 20 lavoratori, avrebbe già fatto: ma questa volta però gli “stagionali” non ci stanno e promettono battaglia. Sul tavolo del contendere i manifestanti mettono anche il “know how” sviluppato in questi anni di lavoro a “tempo determinato”.

 

A. G.