rapina-pozzuoliPOZZUOLI – Fermati in strada, minacciati e rapinati da malviventi che li hanno ripuliti portando via l’incasso di un’intera giornata di lavoro. Un colpo da circa 25mila euro, messo a segno nella serata di martedì a Monterusciello. Le vittime sono un uomo e una donna, titolari di una tabaccheria nel quartiere. La rapina è avvenuta dopo la chiusura dell’attività commerciale, mentre la coppia stava rientrando a casa. A metterla a segno uomini armati giunti a bordo di un’Audi di colore scuro, forse la stessa che da circa due settimane sta seminando il terrore tra i commercianti della città di Pozzuoli. Le vittime sotto la minaccia di una pistola non hanno potuto fare altro che consegnare l’ingente somma di denaro ai rapinatori che si sono dileguati per le strade del quartiere.

IL RACCONTO DELLA VITTIMA – I titolari della tabaccheria avevano addosso l’incasso dell’intera settimana, in particolare gli introiti delle varie giornate di giocate al Lotto «Siamo sconvolti, ancora increduli per quello che è accaduto – racconta una delle due vittime, che chiede di mantenere l’anonimato – Erano le dieci meno un quarto circa, pioveva, non c’era nessuno in strada e insieme al mio compagno stavo rientrando a casa quando improvvisamente siamo stati urtati da un’auto. A quel punto è sceso un uomo che mi ha puntato la pistola contro e si è preso tutto: l’incasso, la borsa e il cellulare impedendoci di chiamare le forze dell’ordine. E’ stato come vivere un incubo, purtroppo siamo vittime di questi delinquenti» conclude la donna ancora sotto shock per l’accaduto.

ESCALATION – Nei giorni scorsi vittime dei rapinatori erano stati i titolari della tabaccheria che sorge in via vecchia San Gennaro a Pozzuoli, nella zona meglio conosciuta come “dietro la Croce”. In quell’occasione rapinatori armati hanno fatto irruzione nel locale minacciando i presenti e portando via diverse migliaia di euro. Ironia della sorte la tabaccheria nella notte di domenica scorsa era finita nel mirino dei ladri che avevano tentato di scassinarla prima di essere messi in fuga dall’antifurto. Nemmeno 24 ore dopo il raid in pieno giorno. E salgono a dieci i colpi ai danni delle attività commerciali nella sola città di Pozzuoli negli ultimi 15 giorni.