L'assessore alla Pubblica Istruzione Alfonso Trincone

POZZUOLI – «Invito i dirigenti scolastici, i responsabili degli uffici pubblici compresi quelli del Comune di Pozzuoli a dotarsi di un defibrillatore, strumento utile per salvare vite umane». E’ questo l’appello lanciato dall’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Pozzuoli Alfonso Trincone che sulla base del decreto 18 marzo 2011 del Ministero della Salute ha inviato, insieme al Sindaco Vincenzo Figliolia, una circolare ai dirigenti scolastici della città affinché valutino l’opportunità di installare presso i loro istituti un defibrillatore semiautomatico esterno, necessario per la rianimazione cardiologica extraospedaliera.

 

Un modello di defibrillatore automatico esterno

UNA PICCOLA SPESA PER SALVARE VITE UMANE – L’installazione di un defibrillatore costerebbe a dirigenti e responsabili degli uffici pubblici intorno ai mille e cinquecento euro.«A Pozzuoli solo la Croce Rossa ne ha uno in dotazione. Per il resto non ci sono defibrillatori in giro nonostante i prezzi non siano esagerati. L’anno scorso sono morti due bambini e uno è deceduto  proprio per soffocamento –  spiega Trincone –  Pertanto riteniamo che sia utile avere la disponibilità di questi strumenti e consigliamo ai dirigenti scolastici di dotarsi di questi preziosi strumenti che possono salvare la vita». Nei giorni scorsi Sindaco e Assessore hanno recepito il decreto 18 marzo 2011 del Ministero della Salute. Nell’atto governativo, che determina i criteri e le modalità di diffusione dei defibrillatori, vengono indicati i luoghi e le strutture pubbliche dove sarebbe opportuno installare il vitale strumento medico. E tra questi vi sono anche scuole, università e uffici.