Il letto di fortuna ricavato in "stanza" dei sotterranei

POZZUOLI – Pare non ci sia tregua per Piazza a Mare. Sono trascorsi solo due mesi dall’opera di bonifica che aveva ripulito e disinfestato l’area parcheggio di Pozzuoli, presa di mira da vagabondi e vandali. Piazza a Mare era diventata un vero e proprio orinatoio pubblico sul porto di Pozzuoli. Uno spazio che doveva fungere da punto di riferimento e parcheggio per residenti e turisti,  invece è ritornata a essere una latrina a cielo aperto.

 

IL “GRAND HOTEL” – La storia quindi si ripete: il tanfo di urina, che si sente anche da lontano, è insopportabile, i rifiuti nei sotterranei sono ovunque e, per giunta, al di là delle grate si vede chiaramente un divano con lenzuola, probabile alloggio per vagabondi. Uno scempio nello scempio dunque, alla beffa di un parcheggio mai utilizzato, allo smacco di dover subire il tanfo dell’urina si aggiunge anche il triste spettacolo dei disperati che cercano rifugio nei sotterranei della piazza.

 

REALIZZAZIONE ERRATA – Una piazza dalla sorte non fortunata. Primo grande lavoro pubblico inaugurato negli anni 2000, non solo doveva essere luogo d’incontro e spazio pubblico per eccellenza del centro storico, ma sotto di essa doveva nascere un parcheggio che avrebbe risolto non pochi problemi di viabilità. Il parcheggio però non è mai stato aperto. Infatti, per una errata progettazione il solaio è troppo basso e non permetterebbe quindi la giusta ventilazione dei gas di scarico. Non solo, in oltre dieci anni non si è mai pensato ad una conversione dello spazio, oggi abbandonato a se stesso.

VIOLETTA LUONGO

FOTO (Angelo Greco)

[cronacaflegrea_slideshow]