Il prodotto sequestrato è stato donato alla mensa di San Gennaro

POZZUOLI – Nuovi controlli e nuovi sequestri da parte della Capitaneria di Porto di Pozzuoli. I militari coordinati dal Tenente di Vascello Andrea Pellegrino, nella notte del 12 aprile  hanno effettuati controlli all’interno del mercato ittico all’ingrosso. Durante le operazioni, sono stati sequestrati pesci ancora troppo piccoli per essere pescati ed immessi sul mercato. Nello specifico, i militari hanno posto sotto sequestro merluzzetti “sotto età” per essere venduti.

IL FENOMENO – La pesca di pesce “sotto età” rappresentano un gravissimo problema per l’ecosistema: infatti, il fenomeno non consente il ripopolamento dei mari. La commercializzazione di esemplari di pesci allo stato giovanile non ancora in grado di riprodursi, rappresenta una pratica illegale di pesca che di fatto interrompe e stronca il ciclo di rinnovamento della fauna marina.  Un danno che paradossalmente i pescatori fanno a loro stessi spopolando le acque. E dunque per contrastare tale fenomeno che i controlli nella notte del 12 aprile si sono estesi anche al punto di sbarco dei pescherecci, ai quali è stata controllata la certificazione che deve accompagnare il pescato.

DONAZIONE – Al termine delle operazioni, tutto il prodotto sequestrato dopo essere stato controllato dai veterinari dell’Asl, è stato donato alla mensa dei poveri situata presso il “Santuario di San Gennaro”.