Il 72enne Luigi Castellano

POZZUOLI – Riceviamo e pubblichiamo la lettera inviata al nostro giornale dai figli di Luigi Castellano, il 72enne puteolano morto lo scorso 5 dicembre nei pressi del ponte della Metropolitana di Pozzuoli. Castellano ha perso la vita dopo essere stato investito da uno scooter delle Poste Italiane mentre attraversava la strada insieme al nipotino di appena 2 anni. Nell’impatto con il mezzo il nonno ha fatto da scudo riuscendo a mettere in salvo il piccolo.

 

IL RICORDO – Al nostro caro Papà. Parlare di Te è molto semplice, sei stato un Grande Uomo che ha lasciato in noi e in tutte le persone che ti hanno conosciuto un segno indelebile.

Ci manca tutto di Te: il tuo sorriso contagioso, la tua solidarietà, la tua bontà d’animo , la tua gioia di vivere. Eri tutto per noi figli e lo sei stato per tutte le persone che ti hanno amato.

Non sei stato solo un grande padre, ma il nostro Migliore amico, che ci è sempre stato accanto in tutti i nostri momenti belli e brutti. Da ragazzi ti chiamavamo “Babbo”, poi con la nascita dei nipoti sei diventato il “Mitico Nonno Gino”. Spesso ci rimproveravi perché reclamavi da noi il tuo vero ruolo, il nostro unico e solo “Papà”.

Non stai andando via da solo perché una parte di noi ti sta accompagnando in questo viaggio e rimangono in noi tutti i tuoi grandi insegnamenti.

Sei stato un esempio di amore puro ed incondizionato fino alla fine dei tuoi giorni , quando facendo da scudo al piccolo Massimiliano lo hai salvato. Babbo, Noi non ti diciamo Addio perché tu sarai sempre Vivo in Noi.