Il tratto di via Montenuovo Licola Patria dove ha perso la vita Luigi Piccolo

POZZUOLI – Un giallo avvolge la morte di Luigi Piccolo, lo skipper 59enne che ha perso la vita domenica notte a seguito di un incidente stradale in via Montenuovo Licola Patria, nei pressi del “Parco Enea”.  In queste ore l’attenzione sarebbe riposta anche sulle condizioni del manto stradale che, a causa di rattoppi e avvallamenti, avrebbe potuto influire sulla dinamica dell’incidente. Intanto la salma dell’uomo è stata trasferita nella tarda mattinata di oggi (martedì 3 settembre) dall’ospedale “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli dove l’uomo era giunto nella notte di lunedì agonizzante, al centro di medicina legale del Secondo Policlinico di Napoli dove nella giornata di mercoledì sarà effettuata l’autopsia disposta dal PM di turno.

 

LA MORTE – Luigi Piccolo, nato a Capri il 27 aprile del 1954, lunedì notte era a bordo del suo scooter Honda SH quando, all’altezza del parco residenziale “Enea”, perdeva il controllo del proprio motociclo uscendo di strada e finendo al sua corsa in un angusto spazio tra l’edificio di guardiania del parco che sorge a diversi metri sotto il livello della strada e il guard rail. Agonizzante, il 59enne, stando alle ricostruzioni effettuate sul posto, sarebbe stato poi trovato riverso nello spazio largo circa mezzo metro.

 

MANTO STRADALE – Diverse le ipotesi al vaglio in queste ore: la presenza di un’auto che avrebbe urtato il centauro facendo poi perdere le tracce; un malore o una distrazione che avrebbe fatto poi perdere il controllo del mezzo; l’alta velocità oppure una caduta dovuta alle precarie condizioni del manto stradale. Particolare quest’ultimo sul quale si sarebbe focalizzata l’attenzione nelle ore successive la tragedia: infatti, nel punto in cui è avvenuto l’incidente mortale sono presenti una serie di avvallamenti (tra cui uno proprio nei pressi dell’ingresso al “parco Enea” dove è avvenuto l’incidente) che avrebbero potuto contribuito a far perdere il controllo del motociclo sarebbe poi uscito di strada prima di finire rovinosamente tra il guard rail e l’edificio. Infatti, lungo via Montenuovo Licola Patria numerosi ed evidenti sono gli avvallamenti e i “rattoppi” che rappresentano pericolose insidie per i mezzi a due ruote.

 

GDG