I ragazzi portano in spalla l'amato padre

POZZUOLI – Una folla commossa questa mattina ha dato l’ultimo saluto a Padre Sergio,  il “Padre dei bambini”. La chiesa Sant’ Artema era gremita di fedeli e di numerosissimi giovani e bambini che hanno voluto . A celebrare il rito il Vescovo di Pozzuoli Monsignor Gennaro Pascarella. Due bacheche con le foto di Padre Sergio con i suoi ragazzi sono state poste all’ingresso della Chiesa. All’interno, un’ enorme foto proiettata su un telone di fianco all’altare, avanti il feretro del compianto prelato, poggiato a terra come un ultimo inchino davanti a quell’altare che è stato il suo per 13 anni e sulla bara il cappello dei Padri Cavanis.

BAMBINO IN MEZZO AI BAMBINI – Nell’omelia il Vescovo ha voluto ricordare proprio il legame di Padre Sergio con i bambini e di ragazzi «Bambino tra i bambini, ragazzo tra i ragazzi, come l’insegnamento di Gesù Cristo», questo il passaggio toccante del discorso di Monsignor Pascarella, che ha celebrato le esequie assieme a tutti i confratelli della parrocchia Sant’ Artema. A fine esequie non ha voluto far mancare il suo ricordo Padre Luigi, parroco della Chiesa  «Padre Sergio aveva due sogni, uno era restare qui fino alla sua morte ed il secondo che qualcuno portasse avanti il suo lavoro con i più giovani, come il seme che se non muore non germoglia, così dalla morte di Padre Sergio potrà nascere qualcosa di nuovo».

LA COMMOZIONE DEI GIOVANISSIMI – Tanti i bambini ed i giovani, i più piccoli, complice la loro purezza e spensieratezza non sono riusciti a trattenere la commozione e salutare il “caro amico” con un sorriso. Troppa la coscienza di quanto Padre Sergio ha dato e non potrà più dare per i più grandi per trattenere lacrime e dolore. Dolore che si è trasformato comunque in canto quando tutti i suoi ragazzi si sono riuniti attorno al feretro. Un lunghissimo applauso ha poi salutato la bara in uscita dalla Chiesa, prima che l’amato padre verrà trasportato nel trevigiano dove sarà tumulato assieme ai suoi confratelli Cavanis. Da oggi Monterusciello è orfano del padre di tanti ragazzi del quartiere.

ANGELO GRECO

[cronacaflegrea_slideshow]