Il pesce avariato veniva venduto a bordo strada (foto web)

POZZUOLI/MONTE DI PROCIDA –  Ammonta a 109 chilogrammi di prodotti ittici, frutta e verdura la quantità di alimenti avariati sequestrata dai Carabinieri durante un servizio predisposto per controlli al comparto agroalimentare e della pesca. Prodotti che venivano venduti lungo i marciapiedi ed esposti a bordo di un triciclo senza il rispetto delle norme igienico-sanitarie. Nell’operazione, condotta nei comuni di Pozzuoli e Monte di Procida, i militari hanno denunciato a piede libero tre venditori.

 

MONTE DI PROCIDA –  Nella piccola cittadina flegrea i militari, diretti dal maresciallo Giuseppe Perna, hanno hanno denunciato in stato di libertà per vendita di generi alimentari di provenienza non certificata e in cattivo stato di conservazione un 37enne di Napoli, sorpreso in via Cappella Monte di Procida mentre esponeva lungo la strada 15 chilogrammi di prodotti ittici di vario genere in pessime condizioni igienico-sanitarie.

 

POZZUOLI – Inoltre, sempre nel corso di un servizio predisposto per controlli al comparto agroalimentare e della pesca, i carabinieri di Pozzuoli hanno denunciato, nel quartiere del Rione Toiano, un 34enne del luogo sorpreso in via Quinto Fabio Massimo mentre esponeva in vendita 20 chili di prodotti ittici dello stesso genere e nelle stesse condizioni. Infine, sempre nello stesso quartiere, un 38enne, del luogo, è stato sorpreso in via Ovidio, mentre esponeva in vendita su una Ape Piaggio ben 74 chilogrammi di frutta e verdura senza etichettatura e in cattivo stato di conservazione.

 

GDG