Il Rione Toiano di Pozzuoli

POZZUOLI –  E’ il caso di dire che, nella serata di ieri, gli agenti del Commissariato di Polizia “Pozzuoli” si siano trovati nel momento giusto e nel posto giusto. I poliziotti, infatti, durante un normale servizio di prevenzione e controllo del territorio, effettuato con particolare attenzione in quella che è l’edilizia popolare ubicata all’interno del Rione Toiano, luogo noto per lo spaccio di sostanza stupefacente, hanno arrestato Concetta Cipriani, di 36 anni, perché responsabile del reato di detenzione e spaccio di droga ad un minorenne. La donna, moglie di un Sorvegliato Speciale, è stata notata dagli agenti mentre, dalla finestra della sua abitazione ubicata al piano terra, stava consegnando un involucro ad un ragazzino.

L’IRRUZIONE DEI POLIZIOTTI –  Avendo intuito che era in corso uno scambio di droga, prontamente, i poliziotti sono intervenuti riuscendo a bloccare il ragazzino di appena 14 anni, che teneva ben stretto nella mano sinistra un fazzolettino di carta, al cui interno erano nascoste delle dosi di hashish. A quel punto gli agenti hanno fatto irruzione nell’abitazione della donna, che era in compagnia del marito, effettuando una perquisizione, nel corso della quale è stata rinvenuta e sequestrata, abilmente nascosta sotto il materasso della culla del figlio, la somma di 150 euro, sicuro provento dell’illecita attività. Il 14enne è stato segnalato alla Prefettura ed affidato alla madre, mentre la donna è stata condotta al Carcere di Pozzuoli.