POZZUOLI – Dopo lo stop di martedì scorso per mancanza di numero legale, si è tenuto ieri il Consiglio Comunale. Tutti presenti gli 8 “malpancisti”, che da alcuni mesi stanno mettendo in forte crisi la maggioranza del Sindaco Figliolia arrivando addirittura, nel mese di maggio, ad astenersi dalla votazione del Bilancio di Previsione 2018. La riunione di maggioranza convocata dal Sindaco nella serata di martedì sembra aver ricomposto, almeno per ora, la frattura interna.

 

ORDINE DEL GIORNO – In discussione vi erano due variazioni di bilancio, due interrogazioni e due domande di attualità. I Debiti Fuori bilancio previsti nella scorsa seduta sono stati rimandati a data da destinarsi. Le variazioni di bilancio, approvate a maggioranza senza difficoltà, si sono rese necessarie per far fronte alle maggiori spese sostenute per: gli arretrati contrattuali dei dipendenti comunali (433.000€), lo sgombero forzato del campo containers di Via Dalla Chiesa (circa 180.000€), la recinzione della collina della Solfatara ordinata dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco (51.000€) ed il noleggio e manutenzione fino a Dicembre 2018 degli impianti audiovisivi del Percorso Archeologico del Rione Terra (21.960€). Il dibattito si è acceso sulle due interrogazioni presentate dal Consigliere di Pozzuoli Ora!, Raffaele Postiglione.

PROGETTO MAC – Per il Progetto MAC (Monterusciello Agro City) sono stati espressi forti dubbi sulla regolarità delle procedure seguite per la selezione pubblica dello staff di gestione. In particolare, Postiglione ha segnalato che, per 3 dei 5 incarichi poi affidati, le candidature sono state stranamente presentate “contestualmente, nello stesso orario e con la stessa calligrafia sulla busta” ed ha inoltre evidenziato che questi stessi professionisti avevano già collegamenti con l’Ente ed addirittura con il Presidente della Commissione Giudicatrice, sollevando quindi una questione di potenziale conflitto d’interesse. L’Assessore Gerundo, supportato da una relazione dell’Avvocatura Comunale, ha risposto dando rassicurazioni sulla regolarità della selezione, sostenendo che l’esistenza di rapporti di conoscenza datati tra i soggetti coinvolti non violerebbe le norme.

PERCORSO ARCHEOLOGICO – La seconda interrogazione aveva ad oggetto la gestione della bigliettazione e delle visite guidate del Percorso Archeologico del Rione Terra. Anche qui Postiglione ha lamentato la poca trasparenza e la potenziale irregolarità delle procedure di affidamento del servizio, che dal 2015 è svolto dall’impresa “Turismo e Servizi”, inizialmente in maniera gratuita, grazie ad un accordo di partenariato non esclusivo con il Comune, e poi attraverso l’aggiudicazione di bandi di gara. Il Consigliere di Pozzuoli ORA! ha anche evidenziato la perdita per le casse comunali per gli elevati costi del servizio, solo in piccola parte bilanciati dalle entrate. Il Sindaco Figliolia, nella sua risposta, ha preferito non entrare nelle questioni gestionali, mettendo però agli atti una relazione tecnica del dirigente al ramo, ma si è dichiarato politicamente soddisfatto per quanto l’Amministrazione è riuscita a fare per la valorizzazione del Percorso Archeologico. Inoltre, il Sindaco si è riservato la possibilità di assumere delle iniziative a tutela dell’Amministrazione viste le accuse precise e imbarazzanti sollevate, soprattutto sulla questione MAC.

LE DOMANDE DI ATTUALITÀ – Nella prima domanda, presentata dal M5S, si chiedevano al Sindaco aggiornamenti sullo stato dell’arte dell’area del Vulcano Solfatara, da mesi sotto sequestro a causa della tragedia che vide la morte di tre turisti. Figliolia, nella sua risposta, escludendo responsabilità dell’Amministrazione, ha dichiarato di essere venuto a conoscenza di una bocciatura da parte dei Magistrati del piano di sicurezza presentato dalla proprietà. Il Sindaco ha infine espresso l’auspicio della ripresentazione, da parte dei proprietari di un nuovo e più rassicurante progetto di messa in sicurezza che possa permettere la riapertura anche parziale del sito. Nella seconda domanda, il Consigliere Postiglione ha posto il problema del trasbordo rifiuti effettuato dalla Devizia, affidataria del servizio di raccolta e trasporto, in località Monterusciello che spesso produce sversamento di liquami puzzolenti in strada e nelle caditoie della fogna comunale. Sulla questione il Sindaco Figliolia ha dichiarato che l’Amministrazione è già all’opera per individuare delle aree comunali nelle quali il trasbordo rifiuti potrà avvenire senza creare nessun problema.