Via Licola Mare, strada dove sorge l'abitazione teatro della rissa

POZZUOLI/GIUGLIANO – L’aggressore scappa e la vittima finisce in galera! Ma la vittima in questione non è una vittima qualsiasi bensì una ricercata per riduzione in schiavitù. Così gli uomini del Commissariato di Polizia di Giugliano, giunti in via Licola Mare per sedare una violenta lite, sul posto hanno trovato solo la vittima dell’aggressione e costato che su di essa pendeva un’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere, hanno messo agli arresti la 33enne cittadina liberiana.

L’ARRESTO – L’episodio è avvenuto nella giornata di ieri, con i poliziotti del Commissariato di Polizia Giugliano-Villaricca hanno arrestato la 33enne cittadina liberiana Diana Paul. Gli agenti si erano recati ad un civico di Via Licola Mare, in quanto alcuni cittadini avevano segnalato una violenta lite. Giunti sul posto la polizia ha però trovato solo la vittima dell’aggressione, mentre l’aggressore si era dato alla fuga. Nell’atto d’identificazione della Paul è subito emerso che la donna era destinataria di un’ Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal Tribunale di Roma per il reato di riduzione in schiavitù. Diana Paul è stata quindi immediatamente arrestata e condotta alla Casa Circondariale di Napoli – Poggioreale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria Competente.