POZZUOLI – Torrenti di acqua e fango, tombini saltati, negozi allagati, detriti e rifiuti in strada e sui marciapiedi, una piccola “frana” e una chiesa allagata. E’ accaduto di tutto a Pozzuoli durante le prime piogge dopo mesi di siccità. Tra le zone maggiormente colpite ci sono il centro storico, via Napoli, corso Umberto I, la parte alta della città e via Campana. Disagi anche nei quartieri di Monterusciello e Licola, in particolare in via delle Colmate e via Cuma Licola. In via Scarfoglio numerosi massi si sono staccati dal costone finendo in strada. Al centro delle polemiche sono finiti i lavori realizzati con i finanziamenti del progetto Europa PIU, che proprio nel centro della città e a via Napoli hanno interessato anche la rete fognaria. Polemiche anche sui mancati interventi di manutenzione e pulizia preventiva di caditoie e tombini.

ACQUA AI PIEDI DELL’ALTARE – Tra i luoghi maggiormente colpiti ci sono il centro storico e le stradine adiacenti, dove la pioggia ha provocato numerosi allagamenti. Emblematico è il caso della Chiesa di “Santa Maria delle Grazie” dove l’acqua ha raggiunto perfino l’altare. “Non più Largo Santa Maria ma lago Santa Maria” ha commentato sarcastico il parroco Don Tonino Russo sulla propria pagina Facebook, dove ha pubblicato le foto degli allagamenti.

I COMMERCIANTI – Ma ad avere la peggio sono stati i commercianti della parte bassa della città. Nella zona di via Napoli e nel centro storico numerosi sono stati i negozi e i ristoranti allagati dalla pioggia caduta in mattinata e nel primo pomeriggio. E in assenza di un servizio comunale i commercianti si sono rimboccati le maniche ed hanno provveduto alla rimozione di acqua, fanghi e detriti dai locali e dalle strade.

SCENE CHE SI RIPETONO – Le scene viste oggi si ripetono costantemente da anni ai primi temporali. Immagini che ormai in tempo reale finiscono sui social network come nel caso di via Rosini, dove da sempre un fiume d’acqua si forma da via Solfatara fino a raggiungere da una parte l’Anfiteatro Flavio, dall’altra le rampe Causa e via Napoli. Stesse scene per i torrenti di fango che da via Celle partono e raggiungono via Pergolesi, nei pressi del carcere femminile.

SITUAZIONE TRANQUILLA – Dopo un pomeriggio trascorso a intervenire per ripristinare i danni arrecati dalle piogge in serata la situazione è tornata alla normalità.

LE FOTO