L'assessore al Personale Francesco Cammino

POZZUOLI – Una dura missiva riguardante il personale in servizio al comune di Pozzuoli è stata inviata dal sindacato CISL funzione pubblica all’Assessore al Personale, al Segretario Generale ed al Sindaco Vincenzo Figliolia. Nella fattispecie, i sindacati accusano l’Assessore di fare confusione tra quelli che sono i compiti di un dirigente e quelli che invece sono i compiti  della politica, in questo caso dell’Assessore al Personale. La comunicazione che di seguito vi riportiamo è stata affissa anche negli uffici del Municipio del Rione Toiano.

IL MANIFESTO – “Oggetto : Art.59 del Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e dei Servizi”. 

Caro Assessore al Personale, Quello che non manca al Comune di Pozzuoli, di questi tempi, è proprio lo stato di confusione dove si accavallano e si scambiano competenze e ruoli che non ci fanno capire più niente su quelli che sono i compiti della Dirigenza e i compiti della Politica. E’ lodevole che la  S.V.  la mattina si mette a controllare i “furbetti” , i dipendenti sull’orario di lavoro (certamente non sarà questa  oo.ss.  a difendere chi non vuole lavorare), ma pensiamo e riteniamo che non sia questo il suo ruolo.                                                                                                                                                                                 

Il documento della CISL che "accusa" l'assessore Francesco Cammino

QUESTO NON LE COMPETE – Quello che si aspettano i cittadini e i lavoratori da questa AMMINISTRAZIONE sono gli indirizzi di programmazione capaci di offrire e dare migliori servizi alla Città.  Ma poi,  Assessore al Personale, dimentica che  sull’Ordinamento degli Uffici e dei Servizi è stato presentato  in Giunta dalla  S.V.  e che forse, per pura distrazione, ha dimenticato, ancora, che l’art. 59 sancisce che il NUCLEO ISPETTIVO è presieduto  dal Segretario Generale, unitamente ad un Dirigente e da un dipendente. L’art. 59 non prevede, all’interno della sua composizione, la presenza di un assessore né tantomeno di figure politiche e pare che il Segretario Generale non abbia ancora, e forse non può, abdicare a suo favore quello che la legge ha stabilito. 

ALTRI SONO I SUOI COMPITI –  Ci permettiamo di suggerire solo alcuni compiti: 1 dare gli indirizzi per organizzare il buon funzionamento della macchina comunale (questi vengono dati ai sigg. Dirigenti); 2 individuare ed evitare gli sprechi della macchina comunale; 3 assicurare gli stipendi ai lavoratori; 4 garantire gli istituti contrattuali (es. Tiket mensa); 5 vigilare perché sia garantita la sicurezza nei posti di lavoro (nelle sue ispezioni mattutine avrà certamente  visto nei corridoi armadietti ed ogni genere di suppellettili). Per il momento ci fermiamo qua e riteniamo che non sia poco. Al Sig. Sindaco ricordiamo la nostra disponibilità nel collaborare, ove ne fosse richiesta, ad individuare soluzioni atte al miglioramento dei servizi, senza per questo tralasciare il nostro ruolo a difendere chi lavora e chi vuole lavorare.”

REDAZIONE