POZZUOLI – “Non abbassiamo la guardia per la difesa del quartiere”, è questa la sostanza dell’appello lanciato dal movimento politico “Pozzuoli ORA!”, dopo le numerose sparatorie che si sono verificate nel mega quartiere popolare di Monterusciello. «Ormai apprendiamo dall’organo di informazione “Cronaca Flegrea” dei veri e propri bollettini da guerra – afferma Riccardo Volpe, portavoce del movimento.- Abbiamo già chiesto qualche settimana fa un sistema di videosorveglianza pubblica, almeno nelle zone più calde, ma pensiamo che il problema non debba essere affrontato solo sotto l’aspetto della sicurezza: la camorra trova terreno fertile dove le istituzioni non ci sono. La politica deve dare risposte serie a questo territorio ed uno dei primi passi che si potrebbero fare è mettere in rete associazioni e organizzazioni civiche per partecipare come ente al bando per il Servizio Civile Nazionale, in questo modo si potrebbero dare opportunità, anche economiche, a tanti giovani del quartiere, considerato che per ogni volontario in Servizio Civile sono stanziati circa 436 euro al mese per un anno intero».

MAGGIORE ATTENZIONE – Battaglia ferrea dentro e fuori le istituzioni, contro la criminalità organizzata che ha martoriato il quartiere. Duro il consigliere comunale del movimento Raffaele Postiglione, che non fa sconti a nessuno: «La camorra va debellata da questo territorio, anche e soprattutto con l’aiuto dei cittadini e delle associazioni. Bisogna offrire opportunità a Monterusciello, facendo vivere innanzitutto le piazze abbandonate, con programmazione di eventi e manifestazioni, diamo fiducia ed un sostegno reale a chi vuole investire in quel quartiere. Dobbiamo investire sulle periferie – continua Postiglione – anche dislocando ulteriori uffici delle Politiche Sociali in periferie come Toiano e Monterusciello. Chiediamo più attenzione da parte di questa amministrazione, soprattutto per creare le condizioni ottimali affinché la camorra in questo territorio non ci possa mai più mettere piede».

*comunicato stampa