POZZUOLI – Furto nella notte a Licola Mare. Rubati i raccordi idraulici per le docce. Il raid è stato messo a segno sull’arenile pubblico; a farne le spese le tubature installate lo scorso luglio per consentire ai bagnanti di lavarsi dopo una giornata trascorsa in spiaggia. La denuncia è stata sporta, questa mattina, da Umberto Mercurio, presidente dell’associazione ‘Licola Mare Pulito’. Forti le parole dell’attivista nei confronti degli autori dell’incursione notturna. «Qui a Licola Mare non si sa cosa sia il bene comune e il risultato è la distruzione delle docce installate a luglio per le persone che frequentano la spiaggia libera», l’affondo di Mercurio.

LA CONDANNA – «Questo raid vandalico è un atto ignobile verso la nostra associazione, che tanto sta facendo per la rinascita di questo luogo. Ma non vi preoccupate, rimetteremo le docce. Aver rubato e rivenduto 15 euro di raccordi non ha arricchito nessuno», ha aggiunto il presidente dell’associazione attiva sul territorio di Licola Mare.