L'auto rimasta coinvolta nell'incidente

POZZUOLI – Paura e panico nel tardo pomeriggio di giovedì per un incidente in via Pergolesi. Un taxi e un’ auto sono rimasti coinvolti in un incidente frontale. Nell’impatto è stata coinvolta anche una terza vettura che si trovava ferma ai margini della corsia. Per gli automobilisti nulla di particolarmente grave: feriti, i conducenti dei due veicoli coinvolti nello scontro venivano soccorsi e trasportati all’ospedale “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli dove ne avranno per qualche giorno. Ma intanto partiva un tam tam di false notizie scatenando il panico.

 

LA PAURA – Alla guida di una Mitsubishi c’era un ingegnere funzionario del Comune di Pozzuoli che rimaneva coinvolto nell’impatto con il taxi. L’uomo, ferito in maniera non grave e visibilmente scosso, veniva dato per “intrappolato tra le lamiere ed in gravissime condizioni”. Altri addirittura “non lasciavano speranze”. Voci che in pochi minuti facevano il girò della città arrivava anche al comune di Pozzuoli dove era in corso una riunione di Giunta Comunale: agli assessori presenti giungeva una telefonata attraverso cui veniva dato la “falsa notizia” suscitando legittima preoccupazione. A quel punto gli assessori sospendevano immediatamente la Giunta e dagli uffici del Comune di Pozzuoli di via Tito Livio partivano per dirigersi sul luogo dell’accaduto. Ma fortunatamente le condizioni dell’ingegnere non erano così gravi come erroneamente era stato divulgato. “Siamo andati in ospedale, fortunatamente non è nulla di grave, ma quelle voci ci hanno fatto molto preoccupare”  raccontavano poco dopo alcuni assessori.

 

Il taxi che si è scontrato con l'auto del funzionario del comune

L’INCIDENTE – Intanto sul posto per i rilievi del caso giungevano gli agenti del corpo di Polizia municipale di Pozzuoli. Secondo le prime approssimative ricostruzioni, pare che il taxi che da Piazza Capomazza si dirigeva verso il porto abbia urtato la parte anteriore della Mitsubishi che a sua volta sarebbe finita contro una Lancia Y ferma sul margine della carreggiata. Ma ad avere la peggio erano i conducenti erano il tassista e l’ingegnere, costretti a ricorrere alle cure dei sanitari del 118. Nei confronti dei due conducenti venivano disposti come da routine gli esami tossicologici.

 

IL CAOS – Ma durante le operazioni di rimozione dei veicoli scoppiava il caos: mentre i carri attrezzi portavano via le auto coinvolte nell’incidente, gli agenti della Municipale multavano i veicoli parcheggiati lungo entrambi i lati della carreggiata, molti dei quali venivano anche rimossi. A quel punto scoppiava la bagarre riaccendendo una polemica che da tempo va avanti tra residenti e commercianti della zona da una parte, e comune di Pozzuoli dall’altra, a causa dei divieti lungo la strada che non permettono a chi lavora o vive in zona di poter parcheggiare la propria auto. Infine, ironia della sorte, tra i multati c’era anche la proprietaria dell’auto coinvolta nell’incidente che qualche minuto prima aveva fermato la vettura lungo la corsia: per lei, oltre il danno anche la beffa.

 

GDG

LE FOTO

[cronacaflegrea_slideshow]