POZZUOLI – Oltre 20 nomi tra i quali scegliere i nuovi assessori della Giunta comunale che nascerà domattina. Prosegue in queste ore il casting da parte del sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, che dopo aver raccolto i nomi dai “capibastone” elettorali ha avviato uno screening su ogni aspirante alla poltrona di assessore. Poi in serata, o al massimo domattina, arriveranno i decreti. La nuova Giunta, convocata per domani alle 15, sarà composta da 4 uomini e 3 donne con vicesindaco “rosa”.

Il saluto tra Vincenzo Figliolia e Domenico Pennacchio

OLTRE 20 NOMI – Dopo aver incontrato nei giorni scorsi i “capibastone” Monaco, Luongo, Maione, Tozzi e Fenocchio con delegazioni di consiglieri a seguito, Figliolia ha acquisito una lunga lista di nomi sulla base delle indicazioni da lui dettate: “gli assessori non devono essere né consiglieri né candidati non eletti”. Un diktat che non è andato giù a qualche forza politica, su tutti Campania Libera che voleva portare in Giunta il consigliere Mario Cutolo e permettere il ripescaggio del primo tra i non eletti, l’ex presidente del consiglio Enrico Russo.

Tito Fenocchio e Filippo Monaco

I NUOVI ASSESSORI – L’unico assessore confermato è Roberto Gerundo, nominato direttamente dal sindaco: a lui saranno confermate le deleghe all’Urbanistica e al controllo del territorio. Al Partito Democratico andrà un solo assessore, in quota al consigliere comunale Domenico Pennacchio. Democrat che avranno anche il presidente del consiglio che, come anticipato nei giorni scorsi, sarà il consigliere Luigi Manzoni. Il vicesindaco è dei Verdi e sarà una donna, uscita fuori dai tre nomi indicati da Tozzi, Borrelli e De Simone. Altro assessore andrà a Filippo Monaco, guru di “Uniti per Pozzuoli”: sarà una donna scelta da un ventaglio di quattro nomi. Altro assessore donna andrà a Michelangelo Luongo, capobastone di “Idea Pozzuoli” che ha fornito al sindaco ben 6 nomi. Sarà un uomo invece l’assessore in quota Maione. Infine resta la grana Campania Libera, che al momento rinuncia ad avere una rappresentanza in Giunta.