Il parco Modigliani dove è avvenuto il litigio

POZZUOLI – Insulti, minacce e una maxi rissa evitata solo grazie all’intervento dei Carabinieri. E’ quanto accaduto nel giorno della vigilia di Natale a Pozzuoli, nel quartiere puteolano di Monterusciello, dove due famiglie hanno dato vita ad una lite furibonda con attimi di forte tensione. Ad accendere la miccia un litigio tra un uomo e una donna che vivono al primo e secondo piano di una palazzina all’interno del “Parco Amedeo Modigliani”, nella zona delle cooperative sorte nell’era post-bradisismica. Il litigio, stando al racconto di alcuni condomini del fabbricato, sarebbe nato per futili motivi. «Ho sentito le urla e ho visto gente precipitarsi al primo piano per dividerli – racconta una residente – Addirittura minacciavano di prendere i coltelli. Poi sono arrivati i carabinieri e la situazione è tornata alla normalità». 

 

IL LITIGIO – Dissapori derivanti ad un’ infelice coabitazione all’interno dello stesso condominio e che negli ultimi mesi avrebbero generato screzi mai sopiti tra due distinti nuclei familiari, fino ad una vera e propria “resa dei conti” arrivata nel giorno del cenone della vigilia di Natale. La bagarre è scoppiata intorno alle 16: urla e insulti con uno dei contendenti che avrebbe minacciato di prendere un coltello e salire al piano di sopra per “farla pagare” al rivale. Particolarmente agitati, stando al racconto di alcuni testimoni, un uomo e una donna, che a più riprese si sarebbero minacciati a vicenda. Con la tensione salita alle stelle, gli altri condomini della palazzina al civico 27 di via Modigliani si sono precipitati nei piani inferiori per dividere i due contendenti. Fino all’intervento di una pattuglia dei Carabinieri che si è recata sul posto riuscendo a calmare gli animi evitando che la situazione degenerasse.