POZZUOLI – L’uomo delle periferie a tutela dell’ambiente. E’ Umberto Mercurio, 66 anni, pensionato, appassionato di natura, lettura e grandi pittori contemporanei. Da anni lotta per la riqualificazione e il rilancio delle periferie della città di Pozzuoli, in particolare Licola, dove con la sua associazione porta avanti battaglie a tutela del territorio. Mercurio è candidato al consiglio comunale di Pozzuoli nella lista civica “La Città con Figliolia” a sostegno del sindaco uscente Vincenzo Figliolia.

Chi è Umberto Mercurio? Sono un cittadino che dopo aver fatto l’emigrante per 42 anni è tornato in questa terra. Sono nato in provincia di Benevento, in un paesino arroccato su una delle tante colline del mio Sannio. Il mio percorso è iniziato 11 anni fa quando facevo il pendolare tra Milano e Napoli in piena emergenza rifiuti, con le immagini di Pozzuoli che facevano il giro del mondo. Qui è scattata la molla per cui ho deciso di impegnarmi per la collettività, cosa che tra l’altro facevo a Bollate con un gruppo di amici. Anche a quei tempi la mia voglia di fare mi portò ad una candidatura nel partito in cui fin da giovane ho militato, prima nel Psi e poi nel SI .

Perché ti candidi al consiglio comunale? Prendere la decisione di scendere in campo credo che per me sia stata la cosa più giusta da fare. E’ arrivato il momento, per chi come me opera nei territori e si occupa tutti i giorni dei problemi che affliggono i cittadini, di cercare di cambiare le cose lavorando all’interno delle istituzioni.

Perché hai scelto di appoggiare il sindaco uscente e la sua coalizione? Guardando lo scenario politico di Pozzuoli la scelta per me naturale è stata quella di candidarmi nella lista civica di Figliola. Sono stato contattato da diverse forze politiche e da 3 dei candidati a sindaco che hanno steso tappeti per me. Ho scelto Figliola perchè condivido la sua visione di città che è vicino a quel modello di città moderna. La sfida è grande per me ma sono pronto e sono molto determinato. Il mio lavoro sarà quello di collegare le periferie al centro.

Perché i puteolani dovrebbero votarti? I puteolani mi dovrebbero votare per tre motivi: il primo, io vengo da fuori e non ho le cosiddette “maniglie”; secondo, per il mio impegno verso l’ambiente; terzo, per il lavoro svolto in questi 4 anni durante i quali ho cercato di ridare dignità ad un luogo abbandonato a se stesso quale è la spiaggia di Licola, che con il suo recupero sta facendo rinascere un intero quartiere.

Quali sono i punti fondamentali del tuo programma elettorale? Nel mio programma ci sono ambiente, territorio e la valorizzazione della foresta di Cuma, tre punti cardine per uno sviluppo sostenibile.

Cosa si può fare per migliorare le periferie della città? Bisogna prima di tutto ripristinare i servizi essenziali. Inoltre sarebbe utile per il territorio l’apertura di una farmacia, il potenziamento dei trasporti, una migliorare viabilità e uno sviluppo balneare sostenibile. Un altro aspetto cruciale, dopo il recupero dell’area, è puntare sul turismo valorizzando in particolare le spiagge e la Foresta di Cuma.

Un appello ai puteolani… Ai puteolani posso dire una cosa sola: di scegliere in base alla propria coscienza e di scegliere le persone che hanno a cuore la città e soprattutto le periferie.

*Articolo con contenuti sponsorizzati