Filippo Monaco (Pozzuoli Futura) con l'ex sindaco Agostino Magliulo

POZZUOLI –  Lo aveva annunciato nei giorni scorsi, insieme all’auto-candidatura a sindaco. Filippo Monaco parlando la stessa “lingua” di Pasquale Giacobbe aveva più volte aperto a trasversalismi per un “governo di salute pubblica” o di “larghe intese” come dir si voglia. Insomma, un “volemose bene”  per governare la città nel tentativo di darle un minimo di stabilità politica oltre che amministrativa. Una sorta di patto di non belligeranza per poi ritornare alla guerra tra 5 anni.

RICERCA DI ALLEATI –  E sulla falsa riga di quelle parole che oggi è uscito un comunicato stampa da parte del movimento “Pozzuoli Futura” firmato dal presidente di “Pozzuoli Futura” Vincenzo Adinolfi, attraverso il quale vengono  richiamate al senso di responsabilità tutte le forze politiche. E in una fase di “posizionamento” pre-elettorale del movimento che viene dato in una coalizione con PDL e altre forze politiche (ma distante dal Terzo Polo), che Pozzuoli Futura lancia anche un appello ai delusi del centrosinistra, un pò come ha fatto Mario Cutolo e da quello che ormai è stato ribattezzato il “Quarto Polo” affinché si aggreghino e prendano parte al loro progetto.

IL COMUNICATO  –  “La situazione politica in cui versa la città richiede impegno e responsabilità tra le forze politiche che si candidano ad amministrarla – si legge nel comunicato –   Pozzuoli, come il resto dell’Italia e dell’Europa, sta affrontando una grave crisi economica che ha bisogno, per essere superata, di impegno e partecipazione, responsabilità e competenza. Ma soprattutto coesione, caratteristiche fondamentali se si vogliono affrontare le difficoltà. Le ultime vicende politiche obbligano ad una riflessione e ad un impegno per dare una risposta credibile alla comunità. La nostra città ha l’opportunità di sfruttare al massimo le occasioni di rilancio, solo se avrà una classe politica forte ed autorevole.

L’APPELLO –  Pozzuoli Futura è un movimento nato per aggregare le forze politiche. La nostra organizzazione ha sempre proposto un confronto sereno ed ora chiede alle donne e agli uomini di buona volontà, singoli o in gruppi organizzati, di costruire una coalizione che metta insieme programmi ed energie in grado di governare, con le più ampie convergenze possibili, il momento di difficoltà che sta attraversando la città. L’appello è rivolto anche ai delusi dal centro sinistra che si dimostra vecchio negli schemi e superato dalle proposte di candidature già bocciate dai cittadini puteolani”.

GDG