Controlli aerei per combattere l'abusivismo edilizio

POZZUOLI – La scoperta di opere edilizie abusive è un fenomeno che interessa 365 giorni all’anno. Ogni mese, infatti, sull’Albo pretorio del comune di Pozzuoli viene pubblicata una cartella con l’elenco di tutte le opere abusive scoperte. Nelle zone del sud Italia, e in particolare nelle nostre zone, questo è un fenomeno molto diffuso. Nelle cartelle pubblicate si conta una media di 16 opere scoperte al mese. Questo comportamento non contravviene solo al codice penale ma va contro ogni norma o disposizione legate alla sicurezza. Diverse norme vietano la fabbricazione di immobili su terreni che mettono in serio rischio la stabilità dell’opera stessa. Si parla quindi di terreni sovrastanti falde acquifere oppure di zone franose e ad alto rischio sismico.

L’IMPEGNO DI POZZUOLI – Il comune di Pozzuoli si è impegnato per combattere e reprimere l’abusivismo edilizio già nel marzo del 2011 affidando, attraverso una procedura concorsuale, a una ditta napoletana il monitoraggio da piattaforma aerea l’intero territorio puteolano per un importo complessivo di 171mila euro. Le attività hanno avuto inizio nel marzo del 20111 e sarebbero dovute concludersi nel marzo del 2012, ma a causa delle difficile condizioni meteorologiche il servizio è tuttora in corso e si concluderà il 10 luglio prossimo. Le attività sono svolte utilizzando un’aeromobile bimotore provvisto di camera aerofotogrammetrica, di telecamera digitale e di GPS. Lo scopo è quello di scoprire le opere abusive, ma anche di servire come deterrente per chi intende cominciare la proprio attività abusiva.

MARCO SOLIMEO