sdomenicoPOZZUOLI – Dovevano durare 6 mesi, invece sono durati 6 anni e alla fine hanno lasciato sul terreno danni che impediscono il transito di auto e pedoni. E’ quanto accaduto nella proprietà di pertinenza del “Centro Commerciale San Domenico” ad Arco Felice dove al termine di alcuni interventi disposti dalla Regione Campania la formazione di una voragine e di un grosso avvallamento hanno portato alla chiusura di uno degli ingressi per motivi di sicurezza. I lavori hanno interessato un’area di diversi metri quadrati che sorge lungo via Domitiana, dove sono stati realizzati degli scavi per permettere di effettuare degli interventi in profondità.

sdomenico1LA DENUNCIA – «Dovevano impiegare 6 mesi invece hanno impiegato 6 anni e appena i lavori sono stati terminati si è aperta una voragine e si è formato un avvallamento. Oggi siamo costretti a tenere quest’ area chiusa con un enorme danno per l’utenza. Ma la cosa più assurda – denunciano i titolari del centro – è che si sono alternate numerose ditte durante i lavori e ad oggi non sappiamo nemmeno quando ci sarà un intervento. Ovviamente abbiamo dato mandato ai nostri legali per mettere fine a questo scempio e a questa ingiustizia che stiamo subendo nonostante, per senso civico, abbiamo concesso di fare i carotaggi nella nostra proprietà privata»

270GLI INTERVENTI – I lavori furono approvati attraverso l’ordinanza 2948 del 25 febbraio del 1999 dalla Giunta Regionale della Campania che affidò alla SOGESID l’incarico di progettare gli interventi necessari alla rifunzionalizzazione  del sistema di collettori costituiti dall’emissario di Cuma, dalla bretella di collegamento fra lo stesso e il depuratore di Cuma e dall’emissario di Coroglio. Il sistema di collettori, affetto da pesanti problematiche con conseguente grave impatto sull’ambiente, rappresenta la parte terminale del sistema fognario della zona Ovest della città di Napoli, nonché di Pozzuoli e altri centri.

LE FOTO