POZZUOLI – «Voglio giustizia per mia suocera. Il colpevole deve pagare, a prescindere se lei si salvi o meno perchè non è possibile che una donna debba trovarsi a lottare contro la morte a causa di un automobilista sprovveduto e spericolato. Faccio un appello a coloro che mercoledì sera si trovavano a Monterusciello: chi ha visto parli, racconti come sono andate le cose. Chiediamo giustizia per mia suocera che ora si trova nel letto di un ospedale con fratture in numerose parti del corpo, dalla testa ai piedi e un polmone perforato». E’ l’accorato appello che Vincenzo Del Vecchio, genero di Raffaella Ilardo, la 57enne investita mercoledì sera in via De Curtis, nel quartiere di Monterusciello.

VITA APPESA A UN FILO – Le condizioni della donna restano gravissime: da oltre 36 ore è ricoverata nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale “Cardarelli” di Napoli dove i familiari attendono giorno e notte con trepidazione che la situazione migliori. L’incidente è avvenuto in un tratto di strada già teatro di gravi episodi, spesso dovuti all’alta velocità e alla scarsa illuminazione pubblica.