Strisce pedonali davanti alla scuola Agraria Falcone sulla Domiziana

POZZUOLI – La Domiziana, che collega Pozzuoli a Giugliano, è da sempre sinonimo di pericolosità. A tutte le ore, ma specie di notte, le auto sfrecciano a grande velocità su un’arteria poco o nulla controllata. Ad aggravare la situazione la presenza, nei pressi dell’incrocio che conduce a Licola Mare, di un istituto scolastico.

 

ISTITUTO FALCONE – Oltre a numerosi ristoranti, nella zona è presente infatti l’istituto scolastico, Agrario Falcone. Centinaia sono i ragazzi che percorrono ogni giorno la Domiziana per recarsi a scuola. Lo stesso attraversamento della strada rappresenta un serio pericolo, a causa della forte velocità delle autovetture. A seguito delle numerose segnalazioni da parte dei residenti  il Comune di Pozzuoli si è attivato per garantire maggiore sicurezza ai pedoni. Nei pressi dell’istituto scolastico sono state infatti installate delle strisce pedonali che permetteranno agli studenti l’attraversamento della strada con minori rischi.

 

 

Le nuove strisce al numero 150 della Domiziana

FUTURI PROGETTI PER LE STRADE – La piccola vittoria dei cittadini è stata ottenuta per merito del comitato “Riqualificare Licola” che, in collaborazione con l’associazione “Famiglie vittime della strada”, ha avviato una raccolta firme per sensibilizzare le autorità sul tema della sicurezza stradale. Da sempre in prima linea per la tutela del territorio di Licola, il comitato ha, per il futuro, in mente altre proposte da fare al sindaco Vincenzo Figliolia. In particolare il completamento dell’attuale lavoro, con l’installazione della segnaletica verticale, l’installazione di dossi di rallentamento e soprattutto di autovelox.

LA STORIA – La Domiziana poco o nulla ricalca dell’antico tracciato di epoca Romana. La strada costruita dall’imperatore Domiziano fu infatti distrutta dai Visigoti nel 420 d.C. e ricostruita nel medioevo ad opera del Regno di Napoli. Conserva, tuttavia, la sua importanza strategica di collegamento tra Pozzuoli e il nord, in direzione Roma. Nel tratto costeggiante il litorale Flegreo è decisamente trafficata. La manutenzione non è però delle migliori. I cittadini hanno infatti più volte segnalato la pericolosità della strada, l’assenza di dissuasori di velocità la trasforma, specie nelle ore serali e notturne in un lungo rettilineo dove automobilisti imprudenti superano, spesso di molto, i limiti di velocità consentiti. Numerosi, nel corso degli anni, gli incidenti, anche mortali che hanno visto coinvolti auto o moto.

ANTONIO FOLLE