Figliolia discute con i "contestatori"

POZZUOLI«Via il divieto di sosta su ambo i lati di via Pergolesi!» è stato il grido di battaglia di una decina di “contestatori” arrivati oggi fuori le stanze del Consiglio Comunale. Chi pensava che tutte le polemiche attorno via Pergolesi sarebbero sparite con la riapertura dell’arteria che collega il quadrivia dell’Annunziata al porto/centro storico si sbagliava di grosso. Appena riaperta la strada subito è scoppiata la polemica tra chi voleva il ripristino del doppio senso di marcia e chi invece propendeva per il senso unico in discesa. A spuntarla sono stati i “conservatori” che hanno chiesto e ottenuto il ritorno all’originario doppio senso di marcia. Ma nonostante ciò, ecco che è spuntato un nuovo pomo della discordia: la sosta delle auto. Per ripristinare il doppio senso di marcia e rispettare le vigenti normative in materia di sicurezza stradale, l’amministrazione comunale è stata costretta a disporre il divieto di sosta su ambo i lati per tutta la lunghezza della strada. Decisione che, ovviamente, non è andata giù ai residenti.

Uno dei divieti di sosta in via Pergolesi

LA CONTESTAZIONE – Questa mattina pertanto una rumorosa delegazione di residenti e commercianti di via Pergolesi si sono presentati fuori l’aula dove si stava tenendo il Consiglio Comunale.Ad accogliere gli imbufaliti cittadini prima è uscito l’assessore Fumo, con delega alla viabilità, poi lo stesso Sindaco Figliolia il quale ha risposto ai manifestanti che due sono le scelte: “o il doppio senso di marcia o i parcheggi per le auto”. Alternative non ce ne sono. Bisognerà ora capire come si evolverà la protesta: per ora pare che si sia optato per una tregua (nessuna multa in questi giorni?), ma già nei primi giorni della prossima settimana Sindaco e Giunta potrebbero prendere le loro decisioni. Su tutte, il senso unico di marcia che permetterebbe il parcheggio delle auto su entrambi i lati della carreggiata. Questa soluzione però accontenterebbe solo una parte di residenti e commercianti: una parte di loro, infatti, non è disposta a fare “il giro” passando da via Ragnisco, Largo Palazzine e Annunziata per raggiungere le proprie abitazioni e i propri esercizi commerciali, in alcuni casi distanti poche decine di metri dal cavalcavia della di via Pergolesi. Un piccolo caso, quindi, quello che si sta formando su via Pergolesi che sicuramente porterà con sè il solito vespaio di polemiche e la cui soluzione scontenterà sicuramente qualcuno.

ANGELO GRECO